Fermi tutti! Sarà mica che Alessandro Michele nel 2015 avesse doti premonitorie? O come novello Marty McFly sarà stato nel futuro e ha visto «cose che noi umani non avremmo mai potuto immaginare?»

Meglio che spieghi.

Dunque, Alessandro Michele nuovo stilista di una delle case di moda italiane più famose al mondo decide, avendo ora lui il comando, di rifare il look alla Gucci lanciando così sul mercato le Princetown slip-on loafer, ossia scarpe pantofole in pelliccia di agnello.

In prima istanza queste slipper hanno richiamato alla mia mente un uomo, o meglio un tratto distintivo di un uomo abbastanza controverso: la folta, spettacolare, particolare, surreale e fantasticashion chioma di Donald J. Trump; successivamente mi sono ricordato di come i capelli del nuovo Mister President abbiano suscitato in tutti, me compreso, ilarità, sconcerto, stupore, ammirazione (beh… ci vuole coraggio ad uscire di casa con ‘sti capelli) e di come fossero stati oggetto di attenzione da parte dei tutti i social che non hanno indugiato nel generare una serie di immagini emblematiche: ecco associare i suoi capelli al ciuffo di una pannocchia, o ai capelli di un troll, a un canarino, a un cane, e chi più ne ha più ne metta. Però, Alessandro Michele è stato l’unico a non prendersi beffa di loro; l’unico che ha puntato su di essi, vedendoli come un cavallo vincente, un’ispirazione per dare nuova linfa alla Maison Gucci. Ovviamente, appena ho visto queste scarpe/pantofole superlative si sono accavallate nella mia mente tutta una serie di spiegazioni che voglio condividere con voi:

«Ma guarda un po’ cosa sta facendo Alessandro Michele con le vecchie parrucche di Trump»; oppure: «Quindi Trump mette una pantofola di Gucci in testa ogni giorno?!»; o ancora: «Ma Gucci sta vendendo i capelli di Trump?!»; ed infine: «Ma che geniaccio ‘sto Alessandro Michele, sta creando un business sui capelli di Trump!». Comunque sarebbe stato bello vedere le slippers di Gucci indossate da Donald Trump o almeno vederlo come testimonial di una delle campagne della Gucci con sotto scritto Trump for Gucci!

Intanto mentre io cercavo spiegazioni plausibili a tale modastrofe, mentre i social si divertivano con i meme, mentre Gucci registrava il sold out delle slippers facendo così diventare Donald J. Trump generatore di luxury fashion, quest’ultimo è diventato Presidente degli Stati Uniti D’America. Quindi: non sarà che Alessandro Michele sapesse già tutto??!!