Tra gli animali di Armando Testa (Torino 1917-Torino 1992), il geniale disegnatore delle più sorprendenti pubblicità di Carosello, pittore e studioso di arte visuale, troviamo una gallina fatta di lettere. Gli spazi bianchi che le lettere, pur sovrapposte, lasciano intravedere sembrano alleggerire e gonfiare il piumaggio; le "e", nettamente distinguibili sui contorni, rovesciano il meccanismo retorico "au pied de la lettre", la lettura letterale della metafora, di cui parla Stefano Bartezzaghi nel catalogo della mostra di Rovereto: qui le parole non diventano cose, la cosa - la gallina - si scompone nella parola, anzi: nelle lettere che la compongono.

 

La figura è tratta da Tutti gli "ismi" di Armando Testa , a cura di Gianfranco Marianello con Gemma de Angelis Testa, con un contributo di Stefano Bartezzaghi, Catalogo Electa della mostra al Mart 2017