da Tutte le poesie, Meridiani Paperback, Milano, Mondadori, 2015

 

La gallina che covava

Un Gatto senza un filo de riguardo

rubbò l'ovo a una Biocca e, d' anniscosto,

propio a lo stesso posto,

je ce messe una palla de bijardo.

Quella, soprappensiero,

nun s'accorse der cambio e la covò

come se fosse stata un ovo vero.

Cloclò, cloclò, cloclò...

— Chissà che bell'ucello scappa fòra

da un ovo così bello e rilucente!

— diceva fra de sé — nun vedo l'ora! —

E lo covava premurosamente.

Ma un giorno che scoprì la marachella

incominciò a beccallo a tutto spiano

finché se ruppe er becco, poverella!

E l'ovo, manc'a dillo, restò sano.

Caro avvocato, è un pezzettino ormai

che predichi la Pace Universale:

so' trent'anni ch'aspetti l'Ideale,

ma 'sto giorno de Dio nun spunta mai!

Per questo, se te guardo,

rivado cór pensiero a la Gallina

che covava le palle de bijardo.

 

Er bonsenso

Volevo fa' covà da la Gallina

un ovo fresco d'Aquila imperiale.

Se te viè bene, - dissi - pe' Natale

sarai trattata come una reggina.

Nun è da tutti de covà un ucello

nobbile e coraggioso come quello! -

La Gallina rispose: - Fosse vero!

Ma come fo se l'Aquila che sorte

trova un cortile invece d'una Corte

e un sottoscala invece d'un Impero?

Se prima nun pulisci er Gallinaro,

bonanotte Gesù ché l'ojo è caro!

 

La Gallina lavoratora

Una Gallina disse ar Pappagallo:

― Tu forse parlerai senza rifrette,

ma oggiggiorno la bestia che sa mette

quattro parole assieme sta a cavallo;

t'abbasta d'aprì bocca e daje fiato

pe' mette sottosopra er vicinato.

Io, invece, che je caccio un ovo ar giorno

e Dio sa co' che sforzo personale,

io che tengo de dietro un capitale

nun ciò nessuno che me venga intorno,

nessuno che m'apprezza e che me loda

la mercanzia che m'esce da la coda!

Fra poco, già lo sento, farò un ovo:

ma visto che' sto popolo de matti

preferisce le chiacchiere a li fatti,

je lo vojo scoccià mentre lo covo...

Anzi, pe' fa' le cose co' giudizzio,

lo tengo in corpo e chiudo l'esercizzio!

 

Er Rospo e la Gallina

Un Rospo, ner sentì che 'na Gallina

cantava come un'anima addannata,

je domannò: - Ched'è che strilli tanto?

Ho fatto un ovo fresco de giornata:

rispose la Gallina - apposta canto.

Fai male, - disse er Rospo - male assai!

Tu lavori pe' l'ommini, ma loro

come t'aricompenseno el lavoro?

Te tireranno er collo

com'hanno fatto ar pollo, lo vedrai.

Nun te fidà de 'sta canaja infame

che t'ha cotto er marito ne la pila

e un fijo ner tegame!

Nun te fidà de 'sta gentaccia ingrata

che te se pija l'ova che je dài

pe' facce la frittata!...

Pianta 'sti sfruttatori e impara a vive!

Se loro vônno l'ova de giornata

nu' je dà retta: fajele stantive!

 

La statistica

Sai ched'è la statistica? È 'na cosa

che serve pe' fa' un conto in generale

de la gente che nasce, che sta male,

che more, che va in carcere e che sposa.

Ma pe' me la statistica curiosa

è dove c'entra la percentuale,

pe' via che, lì, la media è sempre eguale

puro co' la persona bisognosa.

Me spiego: da li conti che se fanno

seconno le statistiche d'adesso

risurta che te tocca un pollo all'anno:

e, se nun entra ne le spese tue,

t'entra ne la statistica lo stesso

perché c'è un antro che ne magna due.

Er compagno scompagno:

Io che conosco bene l'idee tue

so' certo che quer pollo che te magni,

se vengo giù, sarà diviso in due:

mezzo a te, mezzo a me... Semo compagni.

No, no - rispose er Gatto senza core -

io non divido gnente co' nessuno:

fo er socialista quanno sto a diggiuno,

ma quanno magno so' conservatore.